21.08.2023

CONDIVIDI ARTICOLO

Una donna studia le arti marziali per imparare a difendersi Royce Gracie, condanna le palestre di MMA e di BJJ

La leggenda dell'UFC Royce Gracie condanna le palestre di MMA per essersi allontanate dalla tradizione.

Avatar
Sberla Marco Mencarelli

La leggenda dell’UFC Royce Gracie ha apparentemente suggerito che la maggior parte delle palestre di MMA e di Jiu-Jitsu brasiliano (BJJ) di oggi si sta allontanando dall’essenza delle arti marziali. Royce ha affermato che la maggior parte delle moderne accademie di BJJ e di altre arti marziali si concentrano in gran parte sull’aspetto sportivo piuttosto che su quello dell’autodifesa.

Come riportato dall’emittente brasiliana Globo, il cinquantaseienne ha affermato che la mentalità di questo sport, che privilegia i punti anziché i danni, crea artisti marziali che non sono ben preparati per le situazioni di combattimento reali. Il campione ha dichiarato:

“Nessuno inizia a praticare le arti marziali perché vuole competere. Nessuno mette un figlio a praticare le arti marziali perché vuole che vinca un campionato. I genitori vogliono che il figlio impari a difendersi. Una signora, una donna, inizia a praticare le arte marziali perché vuole imparare a difendersi”.

Royce ha spiegato che coloro che lo considerano il motivo per il quale hanno iniziato a praticare le arti marziali, non sono realmente ispirati da lui, ma piuttosto dalla tecnica che ha mostrato. Alcuni esperti di arti marziali, come il judoka Flavio Canto, concordano con Royce Gracie. Canto ha affermato che “l’essenza dell’autodifesa” tende a perdersi nel BJJ moderno e in altre arti marziali a causa dell’eccessiva enfasi sull’aspetto della competizione sportiva.

In alternativa, alcuni altri artisti marziali, come il veterano del karate Diego Moraes, non sono d’accordo con Gracie. Moraes ha affermato che il karate mira a insegnare ai suoi praticanti il controllo dell’energia interna e non semplicemente a danneggiare l’avversario. Inoltre, molti ritengono che concentrarsi sull’aspetto sportivo aiuti l’arte marziale a crescere come sport e business professionale. Questo porta investitori privati e governativi a promuovere l’arte marziale come sport, fino al livello olimpico, il che significa più sponsor e più soldi per le confederazioni di arti marziali e gli artisti marziali.

Gracie ha riconosciuto i vantaggi monetari e di altro tipo dell’aspetto sportivo delle arti marziali. Tuttavia, ha avvertito che l’obiettivo primario delle arti marziali, la tradizione dell’autodifesa, non dovrebbe essere dimenticato in questo processo. Il veterano dell’UFC ha detto:

“Le accademie hanno dimenticato l’essenza dell’arte marziale. Il Business condiziona questa scelta.”


VISUALIZZATO 553

ULTIMI
ARTICOLI

ISCRIVI LA TUA
ACCADEMIA

Stufo di essere invisibile?

Iscrivi la tua accademia nel network italiano più efficace del Jiu Jitsu. Unisciti alla nostra community e fatti notare!